giovedì 27 febbraio 2014

10 curiosità sull'Australia


1. L’Australia ha una specifica festività riconosciuta per una corsa di cavalli: la Melbourne Cup.

2. Nel 1838, in Australia è stato dichiarato illegale fare il bagno in spiagge pubbliche durante il giorno. La legge è stata applicata fino al 1902.

3. L’Australia è la madre della Grande barriera corallina, la barriera corallina più lunga del mondo, che si estende per oltre 2.012,5 km.

4. Nel 1954, un uomo di nome Bob Hawke è entrato nel Guinness dei primati per aver ingurgitato quasi un litro e mezzo di birra (2,5 pinte inglesi) in soli 11 secondi. Nel 1983, lo stesso Bob Hawke è diventato primo ministro d’Australia.

5. L’Australia ha più di 150 milioni di pecore – un numero circa 7,5 volte superiore alla sua popolazione umana.

6. La popolazione dell’Australia è così poco densa che mentre in altri paesi di solito si calcola quante persone vivono in un chilometro quadrato, in Australia si calcola di quanti chilometri quadrati dispone una persona.

7. In Australia non importa dove ci si trovi: non si è mai a più di 1.000 km di distanza da una spiaggia.

8. La capitale è Canberra ma la città più popolosa è Sydney seguita da Melbourne. Ed è stata scelta proprio questa città come capitale in seguito alla forte rivalità tra Sydney e Melbourne che “lottavano” per ottenere il titolo. Tra due litiganti, il terzo gode.

9. L’Australia era la “casa” per 160.000 prigionieri. La Gran Bretagna “ha sfruttato” il territorio australiano per poter tenere molti loro carcerati. Si parla di circa 160,000 prigionieri politici. Oggi, circa il 25% degli australiani ha antenati che sono stati detenuti.

10. I dottori “volanti”. Letteralmente denominata “Royal Flying Doctor Service of Australia” è un servizio che permette di curare e soccorrere coloro che vivono in remote e isolate zone dell’Australia. È un’organizzazione no profit che assiste chi non può raggiungere un ospedale nelle vicinanze. È diventato un simbolo e un’icona della cultura australiana.


Canberra's Parliament

Nessun commento:

Posta un commento