mercoledì 5 giugno 2013

Codice etico KOSMOS


Ai fini dell'ottenimento di un'organizzazione ottimale del lavoro e di una sempre crescente qualità delle prestazioni, tanto per il PM Kosmos quanto per il traduttore, abbiamo steso un codice deontologico che regoli il rapporto fra i nostri PM e i professionisti nostri collaboratori.
In linea generale i PM Kosmos sono tenuti ad osservare le regole di seguito esposte:

1) Considerare i traduttori quali membri del team Kosmos e di conseguenza a rispettare, difendere e tutelare la loro immagine e il loro lavoro e a mantenere sempre gli accordi presi, salvo cause di forza maggiore.
2) Attraverso l'amministrazione Kosmos, ottemperare sempre ai propri obblighi, saldando le fatture dei traduttori entro i termini pattuiti.

Nello specifico i PM Kosmos sono tenuti ad osservare le regole di seguito esposte:

1) Inviare al traduttore il modulo d'ordine completo insieme ai testi da tradurre.
2) Inviare al traduttore file ordinati e definitivi, completi di ogni materiale di riferimento.
3) Ogni accordo particolare con il traduttore deve essere preso PRIMA dell'inizio della traduzione, pertanto i PM si impegnano a non cambiare, per quanto possibile, i termini dei progetti a lavoro in corso, tranne in presenza di progetti corposi che richiedano un'ampia valutazione o in casi eccezionali dovuti a modifiche del progetto da parte del cliente, a inadempienza del traduttore o a causa di forza maggiore.
4) Notificare prontamente al traduttore ogni contestazione e fornire sempre esaurienti motivazioni. Il traduttore ha il diritto di ricevere il file revisionato e di esprimere il proprio parere o richiedere la mediazione di una terza persona neutrale che dia il proprio giudizio.
5) Inviare sempre e prontamente al traduttore la conferma di ricezione dei file da lui tradotti e consegnati.
6) Riconoscere al traduttore il diritto di fatturare quanto già tradotto e consegnato, nel caso in cui Kosmos confermi una prestazione e successivamente cancelli l'ordine a lavoro iniziato.

In linea generale, i traduttori a cui vengono commissionati incarichi da Kosmos riconoscono che:

1) La traduzione, essendo un'attività intellettuale il cui scopo è la trasposizione di testi letterari, scientifici e tecnici da una lingua all'altra, impone a chi la esercita doveri specifici inerenti alla sua stessa natura.
2) Una traduzione dev'essere sempre realizzata sotto l'esclusiva responsabilità del traduttore, indipendentemente dalla natura del rapporto o del contratto che lo lega al committente.
3) Qualsiasi traduzione deve essere fedele e rendere esattamente le idee e la forma dell'opera originale; la fedeltà costituisce al tempo stesso un dovere morale e un obbligo di natura giuridica per il traduttore.
4) Non bisogna tuttavia confondere traduzione fedele e traduzione letterale: la fedeltà non può prescindere dall'adattamento necessario per rendere lo stile, l'atmosfera, il significato profondo dell'opera in una lingua e un paese diversi.
5) Il traduttore deve conoscere bene la lingua dalla quale traduce, ma soprattutto padroneggiare la lingua d'arrivo.
6) Deve inoltre possedere una buona cultura generale e un'adeguata conoscenza della materia da tradurre nonché astenersi dall'intraprendere una traduzione in un dominio che esuli dalle sue competenze.
7) Il traduttore deve evitare qualsiasi atto di concorrenza sleale nell'esercizio della sua professione, pur sforzandosi di ottenere una giusta remunerazione e trovando sempre un accordo equo con Kosmos.
8) Il traduttore è tenuto a rispettare i legittimi interessi del committente, mantenendo il segreto professionale su tutti i dati di cui possa venire a conoscenza nel corso della traduzione affidatagli.
9) Essendo un autore «secondario», il traduttore deve rispettare anche specifici obblighi nei confronti dell'autore dell'opera originale.

Nello specifico, i traduttori a cui vengono commissionati incarichi da Kosmos sono altresì tenuti a osservare le regole di seguito esposte:

1) Inviare sempre il modulo completo al momento della consegna della traduzione.
2) Riportare sempre in fattura il codice corretto.
3) Riportare sempre in fattura l'importo corretto.
4) Inviare ogni mese le fatture per le prestazioni svolte.
5) Notificare per tempo ogni cambio di conto corrente, indirizzo, ecc., poiché Kosmos non può essere ritenuta responsabile per il mancato recapito di pagamenti allorché non siano state comunicate per tempo le dovute modifiche.
6) Notificare immediatamente al PM - non alla consegna del lavoro - ogni difficoltà incontrata nello svolgimento di una traduzione (p.e. testo mancante, errori nel testo sorgente, ecc.), affinché il revisore abbia il tempo di contattare debitamente il cliente e chiedere le dovute spiegazioni, e il traduttore stesso possa apportare le modifiche necessarie al buon svolgimento della traduzione.
7) Non si accettano traduzioni che contengano termini non tradotti poiché "troppo difficili" o " irreperibili". Si presume che sia il traduttore a dover trovare le debite soluzioni, mediante le necessarie ricerche, senza delegare al revisore il suo stesso compito, giacché il lavoro del traduttore consiste nel rendere un testo in un'altra lingua e fornire un elaborato completo e consegnabile al cliente finale. Qualora il traduttore necessiti di spiegazioni per la terminologia più complessa, è tenuto a scrivere per tempo al PM e a chiedere delucidazioni. I nostri PM sono sempre molto disponibili e pronti a contattare il cliente ogni qualvolta sia necessario, tuttavia non si accettano traduzioni nelle quali vengano lasciati termini nella lingua sorgente per mancanza delle dovute ricerche spettanti al traduttore.
8) Per gli errori dovuti a: a) mancata rilettura e verifica della traduzione, b) mancata correzione ortografica e verifica dei doppi spazi, c) mancata esecuzione delle dovute ricerche, d) mancata osservazione delle regole più elementari e comuni di formattazione, e) dimenticanze causate da pura negligenza e ritardi nella consegna, è giustificata una richiesta di sconto proporzionale al tempo e all'impegno del revisore nel modificare e correggere la traduzione in forma tale da poter essere consegnata al cliente finale, nonché proporzionale al ritardo con la quale viene trasmessa.
9) Consegnare una traduzione che non sia letterale, ma che sappia mantenere l'originalità del messaggio originale, il registro e la tecnicità, pur presentandosi in forma tale da rispettare l'autenticità e l'integrità della lingua target, a tutto beneficio del lettore e dello scrittore.
10) Portare a compimento ogni incarico accettato, salvo cause di forza maggiore che non includano tuttavia problemi di software o hardware, oggigiorno decisamente risolvibili. Ci si aspetta comunque che il traduttore, in quanto professionista che ha volontariamente accettato di assumersi la responsabilità di un progetto linguistico, trovi o aiuti l'agenzia a trovare una soluzione affinché l'impegno assunto venga in ogni modo onorato e l'agenzia non sia lasciata a risolvere il problema e a subire ogni conseguenza della mancata o ritardata consegna del lavoro.
11) Rendersi disponibili per eventuali domande da parte dei revisori interni Kosmos, i quali possono avere la necessità di contattare il traduttore per chiedere chiarimenti, nello svolgimento della loro mansione di controllo qualità delle traduzioni.
12) Assicurarsi sempre che il PM abbia ricevuto la traduzione consegnata a mezzo email o in altra forma. Sarà premura del PM inviare sempre la conferma di ricezione del documento tuttavia, data la fallibilità dei sistemi informatici, talvolta le mail non arrivano a destinazione, pertanto è sempre bene accertarsi del buon esito di ogni invio.
13) I PM Kosmos si aspettano che i traduttori rispettino, difendano e tutelino l'immagine di Kosmos e mantengano sempre gli accordi presi, salvo cause di forza maggiore.

Nessun commento:

Posta un commento